• English
  • Italiano

TRADIZIONI ALIMENTARI

La Romagna è una terra ricca di prodotti tipici: tra i più famosi le tagliatelle all'uovo, la Pesca Nettarina Igp, l’Olio di Brisighella Dop, lo squacquerone di Romagna Dop e la Piadina Romagnola Igp.

PESCA NETTARINA DI ROMAGNA IGP

Dalla Romagna, terra di tradizione e vocazione culturale, le pesche nettarine di Romagna sono un frutto di grande qualità a Indicazione Geografica Protetta. Il riconoscimento europeo garantisce l'unicità e sottolinea lo stretto legame con il territorio di origine, che, per le sue caratteristiche ambientali specifiche e la tradizione storica dei produttori, raggiunge livelli qualitativi di eccellenza.
Le Pesche nettarine di Romagna IGP sono prodotte esclusivamente nella zona tipica che copre le province di Forlì-Cesena, Ravenna, Ferrara e Bologna e sono riconosciute dal marchio che certifica il processo di origine e produzione: i produttori sono infatti iscritti in un apposito registro. Sono coltivate con metodi di produzione integrata, a basso impatto ambientale e con tecniche che esaltano le crescenti esigenze organolettiche e di gusto richieste. La commercializzazione è possibile solo dopo un’attenta verifica di controllo certificata da un organismo accreditato dal Mipaaf.

SQUACQUERONE

Lo Squacquerone è un formaggio a latte crudo, estremamente morbido. Il colore è bianco avorio e il gusto ha in genere note lattiche, con sapore dolce-aspro. Si tratta di uno dei prodotti "per eccellenza" con cui è farcita la piadina, un altro prodotto tipico della terra di Romagna. Lo Squacquerone, senza ulteriori specificazioni, è un formaggio generico, che essere prodotto ovunque, a differenza del nobile Squacquerone di Romagna che, essendo un formaggio DOP, può essere ottenuto solo nella zona definita in accordo con le regole specifiche del prodotto.

PIADINA ROMAGNOLA IGP

La piadina è un prodotto alimentare a base di un impasto di farina di frumento, strutto o olio d'oliva, sale e acqua e viene tradizionalmente cotta su un piatto di terracotta, chiamato "Teggia" in Romagnolo, ma oggi è comunemente cotta su una piastra di metallo o su lastre di pietra chiamate "testo" (test in dialetto). E', usando le parole del poeta Giovanni Pascoli, "il pane, come cibo popolare dei Romagnoli": infatti, è stata usata soprattutto dai più poveri. Con il regolamento 1174 del 24 ottobre 2014, pubblicato il 4 novembre 2014 sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, è stata registrata come piadina a Indicazione Geografica Protetta.