• English
  • Italiano

TURISMO

RAVENNA, CESENA, FORLI’, FAENZA, RIMINI e IMOLA sono le città più importanti della Romagna: un mix di arte, storia, buon cibo e vino e il carattere accogliente della gente è ciò che renderà il vostro viaggio in Romagna un'esperienza unica.

CESENA

Conosciuta anche come la "città dei tre Papi", Cesena diede i natali a due papi (Pio VI e Pio VII) e ha ospitato il vescovado di altri due (Pio VIII e Benedetto XIII). Il centro storico, che include molte chiese e palazzi di notevole interesse storico, arte e cultura, è delimitato dalle mura, il cui cerchio si è conservato quasi intatto. Diverse torri e porte di ingresso sono poste ai piedi dell'antica rocca malatestiana. A Cesena c'è la Biblioteca Malatestiana, costruita nella metà del XV secolo, la prima biblioteca civica italiana ed unico esempio di biblioteca monastica medievale perfettamente conservato nella struttura, negli arredi e nelle attrezzature per la conservazione del libro. L'UNESCO ha riconosciuto l'importanza culturale di inserire la biblioteca Malatestiana, prima in Italia, nel registro del Patrimonio mondiale.

FAENZA

Situata lungo la via Emilia tra Imola e Forlì, appena ad ovest del centro della Romagna, si trova ai piedi dei primi Appennini Faentini ed è sede vescovile della diocesi di Faenza - Modigliana, storicamente nota per la produzione di ceramiche. Un nome classico con cui vengono chiamati gli abitanti di Faenza è "Manfredi", dal nome della famiglia che governò la città per lungo tempo. Le origini della città si perdono nella mitologia. Sembra infatti che i coloni Attici, risalendo il mare Adriatico, fondarono Ravenna, e si spinsero verso l'interno e fondarono l'insediamento di Foentia. La città è cresciuta come un centro commerciale sotto gli Etruschi e i Celti grazie alla sua favorevole posizione dall'intersezione tra il fiume Lamone e la via Salaria, e, attraverso gli Appennini, veniva trasportato il sale in Etruria e Campania.

FORLI'

La città è conosciuta anche con il soprannome dialettale di "Zitadon", il "Cittadone", per essere stata per molto tempo la città più popolosa della Romagna, poi superata sia da Ravenna che da Rimini. Nella storia è stata chiamata anche con il nome di Livia. Forlì si trova nella storica regione della Romagna, come dice Dante nel De Vulgari eloquentia, "meditullium", che significa il centro dell’area. Questo primato è, quindi, anche linguistico, nel senso che il Forlivese è il tipico dialetto Romagnolo parlato in altre zone, anche se ci si allontana dal centro della regione linguistica, perdendo però gradualmente alcune delle caratteristiche. La città, fondata secondo la tradizione nel 188 A.C., nel 2012-2013 ha festeggiato i suoi 22 secoli di esistenza.